Paesi Bassi: da oggi i negoziati esplorativi per la formazione del nuovo governo

La leader di D66 non intende cedere l'iniziativa al premier uscente Mark Rutte

Paesi Bassi

I partiti dei Paesi Bassi che entreranno nella prossima legislatura della Camera dei rappresentanti (Tweede Kamer) hanno nominato due “esploratori” per le negoziazioni parlamentari. Si tratta del capogruppo del Partito popolare per la democrazia e la libertà (Vvd) al Senato, Annemarie Jorritsma, e del ministro dell’Interno uscente, Kajsa Ollongren, esponente di Democratici 66.



I due dovranno parlare con tutti i leader dei 17 partiti dei Paesi Bassi neoeletti alla Tweede Kamer a partire da domani. I due “esploratori” parleranno con i rappresentanti dei partiti maggiori (quelli con almeno otto seggi) e martedì con i leader di tutte le formazioni minori. Vvd e D66, i due maggiori partiti, saranno i principali attori nei negoziati. La leader di D66, Sigrid Kaag, non intende cedere l’iniziativa al premier uscente Mark Rutte e ha insistito perché avere un proprio “esploratore”.

Rutte ha già indicato mercoledì sera che vorrebbe riavere l’Appello cristiano democratico (Cda) al governo, ma il leader della formazione Wopke Hoekstra al momento intende ragionare sui motivi della sconfitta del suo partito. “C’è davvero del lavoro da fare”, ha detto giovedì Hoekstra al suo gruppo parlamentare. Jesse Klaver (Sinistra Verde-GroenLinks) e Lilian Marijnissen (Partito socialista) non hanno nascosto nel corso della campagna elettorale l’intenzione di entrare al governo. I risultati delle elezioni hanno però complicato questo scenario. Al contempo Lilianne Ploumen, leader del Partito del lavoro (PvdA) ha detto che la sua formazione vuole co-governare solo se almeno un altro partito di sinistra farà lo stesso. In precedenza, PvdA e GroenLinks avevano già annunciato che non si sarebbero uniti a una coalizione l’uno senza l’altro. Non è detto però che Rutte e il Vvd gradiscano una maggioranza insieme a D66 e due formazioni di sinistra come laburisti e verdi.



Leggi altre notizie su Nova News
Seguici su Facebook, Twitter, LinkedIn, Instagram