Paesi Bassi: scontri a Rotterdam, sale a 51 il numero degli arresti

Circa la metà dei fermati sarebbe minorenne

rotterdam

Sale a 51 il totale degli arresti avvenuti a seguito delle proteste di ieri sera a Rotterdam contro le misure prese dal governo olandese per frenare la diffusione dei contagi da Covid. Circa la metà dei fermati sarebbe minorenne, come hanno reso noto le autorità. Due persone rimaste ferite dopo aver ricevuto colpi d’arma da fuoco sono in ospedale.



Gli investigatori stanno cercando di ricostruire se i due siano stati colpiti da proiettili sparati dalle forze dell’ordine. Secondo l’emittente “Nos”, gli agenti avrebbero aperto il fuoco contro i manifestanti “solo quando accerchiati”, come ha detto un rappresentante del sindacato di polizia. Gli agenti avrebbero inoltre sparato colpi d’avvertimento per proteggere i vigili del fuoco impegnati nello spegnere gli incendi provocati dai manifestanti.

Nel frattempo una protesta prevista per oggi pomeriggio ad Amsterdam è stata annullata, mentre si sta tenendo una a Breda. Il ministro della Giustizia olandese Ferdinand Grapperhaus ha definito “disgustose da vedere” le immagini delle proteste di ieri sera, pur riconoscendo come il Covid-19 e le misure restrittive associate stiano creando difficoltà nel Paese.



Leggi anche altre notizie su Nova News
Seguici sui canali social di Nova News su Facebook, Twitter, LinkedIn, Instagram, Telegram