Pentagono: Usa preoccupati per i piani di creazione di una base militare cinese in Kenya

Il Dipartimento della Difesa: "Pechino cerca di stabilire infrastrutture logistiche più robuste"

cina esercito cinese usa

Gli Stati Uniti hanno lanciato l’allarme sui presunti piani della Cina per stabilire una base militare in Kenya ed estendere la sua presa nel Paese anche sul piano militare, oltre che economico e commerciale. “La Repubblica popolare cinese ha probabilmente preso in considerazione un certo numero di Paesi, tra cui il Kenya, come sedi per (ospitare) le strutture del Pla (Esercito di liberazione popolare)“, afferma il Pentagono nel suo rapporto annuale al Congresso degli Stati Uniti, le cui anticipazioni sono state riportate dal quotidiano online keniota “Business Daily”. “Una rete logistica militare globale del Pla e le strutture militari del Pla potrebbero sia interferire con le operazioni militari statunitensi sia supportare operazioni offensive contro gli Stati Uniti man mano che gli obiettivi militari globali della Repubblica popolare cinese evolvono”, si legge nel rapporto, secondo cui la base pianificata in Kenya fa parte della ricerca della Cina di una rete logistica militare globale per contrastare gli interessi esistenti delle superpotenze, in primis gli Stati Uniti. “La Repubblica popolare cinese sta cercando di stabilire infrastrutture logistiche e di base all’estero più robuste per consentire al Pla di proiettare e sostenere la potenza militare a distanze maggiori”, afferma il Pentagono.



Nairobi e Washington, insieme all’ex potenza coloniale britannica, hanno stretti legami militari: gli Stati Uniti, ad esempio, dispongono di una base militare a Manda Bay, nella contea di Lamu, mentre il Regno Unito ha una base simile a Nanyuki e nel luglio scorso il governo di Londra ha rinnovato il suo accordo di difesa con Nairobi che consente alle sue truppe di continuare l’addestramento dei militari kenioti a Nanyuki. La nuova amministrazione di Joe Biden all’inizio di quest’anno ha anche annunciato il dispiegamento di truppe speciali Usa in Kenya per contribuire agli sforzi nella lotta contro il terrorismo. Le ambizioni militari segnalate dalla Cina rientrano nei suoi piani per attuare l’iniziativa Nuova via della seta (One Belt, One Road) che mira a promuovere ulteriormente il commercio con i Paesi africani. La Cina ha investito miliardi di di dollari per la realizzazione di infrastrutture in Kenya nell’ambito dell’iniziativa, inclusa la ferrovia a scartamento normale tra Nairobi e Mombasa. L’iniziativa è stata annunciata per la prima volta nel 2013 ed è stata lanciata dal presidente cinese Xi Jinping. In campo militare, la Cina ha aperto la sua prima base militare a Gibuti – la prima base d’oltremare mai realizzata da Pechino, sebbene le autorità cinesi la descrivano ufficialmente come una struttura logistica – nel 2017, alimentando le preoccupazioni soprattutto dell’India: nella base sono dispiegati militari della Marina cinese, insieme a veicoli corazzati e unità d’artiglieria.

Leggi anche altre notizie su Nova News
Seguici sui canali social di Nova News su Facebook, Twitter, LinkedIn, Instagram, Telegram



TAGS