Per l’infettivologo Bassetti quest’estate potremo stare senza mascherina all’aperto

Bassetti è il direttore della clinica di Malattie Infettive dell'ospedale San Martino di Genova

mascherina

Quest’estate si potrà pensare “a togliere la mascherina all’aperto, già dal mese di luglio, mantenendola evidentemente al chiuso e quando ci sono degli assembramenti”. Lo ha detto Matteo Bassetti, direttore della clinica di Malattie Infettive dell’ospedale San Martino di Genova, intervenendo a “Un Giorno da Pecora” su Rai Radio1. “Ci auguriamo che dal prossimo autunno la mascherina possa diventare un lontano ricordo perché avremo vaccinato il 70 per cento e avremo l’immunità di popolo”, ha aggiunto. E sulle riaperture contestate Bassetti ha evidenziato: “Si è fatta troppa polemica su questo tema, si torna alla situazione tre mesi fa, con le zone a colori. L’unica novità rispetto a prima sono cene all’aperto e il ritorno a scuola, che è l’aspetto più rischioso”.



Intanto, sono 15.558.775 i vaccini anti-Covid somministrati nel nostro Paese, l’87,7 per cento delle dosi finora consegnate, pari a 17.738.070 (11.853.270 Pfizer/BioNTech, 1.727.200 di Moderna e 4.157.600 di AstraZeneca), mentre ammonta a 4.556.228 il totale delle persone vaccinate a cui sono state somministrate la prima e la seconda dose di vaccino. Lo riferisce il bollettino elaborato da ministero della Salute, presidenza del Consiglio dei ministri e dal commissario straordinario al Covid-19, aggiornato alle 6:09 di oggi. La somministrazione ha riguardato 9.024.023 donne e 6.534.752 uomini. Nel dettaglio, le dosi sono state somministrate a 3.218.776 operatori sanitari e sociosanitari, 1.740.521 soggetti fragili e caregiver, 857.568 unità di personale non sanitario, 622.938 ospiti di strutture residenziali, 5.263.784 over 80, 1.774.790 della fascia 70-79, 341.346 della fascia 60-69, 1.136.699 personale scolastico, 305.924 comparto Difesa e Sicurezza, 296.429 altre categorie. Per quanto riguarda la suddivisione territoriale, in testa in termini percentuali, la Puglia con 1.012.639 dosi (il 92,2 per cento), il Veneto con 1.330.197 dosi (il 92,1 per cento) e l’Umbria con 241.787 dosi (il 91 per cento). La Lombardia è la Regione che finora ha somministrato più vaccini (2.452.186 dosi), seguita da Lazio (1.533.269 dosi) e Campania .

Leggi altre notizie su Nova News
Seguici su FacebookTwitterLinkedInInstagram