Piemonte: somministrate altre 25 mila dosi di vaccino, in totale sono 1,3 milioni

Fornitura prioritaria di AstraZeneca e Johnson&Johnson ai medici di famiglia

Serbia vaccino

Sono 24.929 le persone che hanno ricevuto il vaccino contro il Covid nelle ultime 24 ore in Piemonte. Questo il dato comunicato oggi all’Unità di Crisi della Regione (aggiornato alle ore 18.30). A 5.331 è stata somministrata la seconda dose. Tra i vaccinati in particolare sono 6.095 gli over 80, 6.562 i settantenni (di cui 1.839 vaccinati dai propri medici di famiglia) e 8.435 le persone estremamente vulnerabili. Dall’inizio della campagna si è proceduto all’inoculazione di 1.296.673 dosi (di cui 393.458 come seconde), corrispondenti al 93,3% di 1.389.820 finora disponibili per il Piemonte. Sono in distribuzione oggi 109.980 dosi di Pfizer e 29.600 dosi di Astra Zeneca. Domani sono attese in Piemonte 12.800 dosi di Johnson&Johnson.

Vaccino: fornitura prioritaria di AstraZeneca e Johnson&Johnson ai medici di famiglia

Un accordo tra le organizzazioni di categoria dei medici di medicina generale e la Regione Piemonte è stato raggiunto oggi per dare una spinta alla campagna vaccinale. E’ stata concordata, infatti, la fornitura prioritaria dei vaccini AstraZeneca e Johnson & Johnson ai medici di famiglia che vaccinano in autonomia nei propri studi, per completare nel più breve tempo possibile la copertura vaccinale degli over60. Per le prossime fasi vaccinali che coinvolgeranno le fasce di popolazione più giovani, verranno valutate in un prossimo incontro le modalità di distribuzione dei vaccini Pfizer e Moderna anche per i medici di famiglia aderenti. “E’ stata scritta una nuova e importante pagina di collaborazione con i medici di famiglia – osserva l’assessore regionale alla Sanità del Piemonte, Luigi Genesio Icardi – che produrrà un sostanziale rafforzamento della campagna vaccinale, non solo sul piano operativo delle inoculazioni, ma anche sul fronte, altrettanto determinante, della corretta informazione sui vaccini. Per uscire dall’emergenza, abbiamo bisogno che tutti facciano la loro parte, il Piemonte ancora una volta sta dimostrando di saper fare sistema”.

“Dobbiamo fare squadra per il bene comune – dichiarano congiuntamente i rappresentanti dei medici di medicina generale Roberto Venesia (Fimmg), Mauro Grosso Ciponte (Snami) e Antonio Barillà (Smi) -, la medicina generale, se messa nelle condizioni di operare, dimostra di poter fornire un sostanziale contributo alla campagna vaccinale, mettendo in gioco la propria credibilità e sostenendo la validità di tutti i vaccini. Continueremo a fare la nostra parte, invitando la popolazione a cogliere questa straordinaria possibilità di uscire da questa drammatica situazione pandemica con la vaccinazione”.

Leggi altre notizie su Nova News
Seguici su Facebook, Twitter, LinkedIn, Instagram