Più tempo pieno a scuola, Azzolina: “Bianchi va nella direzione giusta”

Lo ha detto ad "Agenzia Nova" l'ex ministra dell'Istruzione commentando le parole dell'attuale ministro

Azzolina

Ampliare il tempo pieno a scuola “è la direzione giusta. Bene che il ministro Bianchi prosegua sulla medesima linea da noi tracciata nel governo Conte II”. Lo ha detto ad “Agenzia Nova” l’ex ministra dell’Istruzione del M5s Lucia Azzolina commentando le parole dell’attuale ministro Patrizio Bianchi che in commissione Infanzia e adolescenza oggi ha ribadito la necessità di una scuola che vada sempre più verso il tempo pieno. Azzolina ha ricordato come “insieme all’ex ministro Peppe Provenzano avevamo lavorato a questi progetti, inseriti sin dalla prima versione, nel Pnrr e confermati” ora dall’esecutivo Draghi. “Particolare attenzione deve essere data alle scuole del Sud”, ha sottolineato la deputata del M5s da sempre impegnata per un tempo pieno generalizzato nella scuola primaria in modo da agevolare anche l’occupazione dei genitori degli alunni.



Un impegno assunto anche dal governo Draghi e che non vuole essere inteso solo come “ampliamento di quanto c’è già ora”, ha detto Bianchi. Il ministro ha infatti parlato di “massicci investimenti su mense e palestre, soprattutto al sud. La sola affermazione più tempo pieno non basta e alle superiori dobbiamo uscire dalle gabbie del 900″, ha aggiunto. “La scuola deve essere rispondente alla interdisciplinarietà, non deve cumulare informazioni, ne siamo travolti. Dobbiamo dare ai nostri ragazzi più strumenti”, ha voluto evidenziare in commissione.

Nel Piano nazionale di ripresa e resilienza (Pnrr) circa 20 miliardi saranno investiti per la realizzazione di asili nido e scuole per l’infanzia, estensione del tempo pieno (per fornire sostegno alle madri con figli piccoli e contribuire così all’occupazione femminile) e il potenziamento delle infrastrutture scolastiche promuovendo l’attività motoria anche in funzione di contrasto alla dispersione scolastica. Trecento milioni saranno poi utilizzati per il potenziamento delle infrastrutture per lo sport a scuola, e “favorire le attività sportive a cominciare dalle prime classi delle scuole primarie. Infatti, è importante valorizzare, anche attraverso l’affiancamento di tutor sportivi scolastici, le competenze legate all’attività motoria e sportiva nella scuola primaria”, si legge nel Piano.



 

Leggi anche altre notizie su Nova News
Seguici anche sui canali social di Nova News su Facebook, Twitter, LinkedIn, Instagram, Telegram