Polonia: Corte Ue contro la legge sulla giustizia, mina l’indipendenza della magistratura

Il diritto europeo è incompatibile con il regime in vigore a Varsavia

Corte di Giustizia dell'Unione europea - Polonia

Il diritto europeo è incompatibile con il regime in vigore in Polonia che consente al ministro della Giustizia di distaccare giudici presso organi giurisdizionali superiori. Lo ha deciso la Corte di giustizia dell’Unione europea (Cgue).



A questo distacco il ministro, che è anche procuratore generale, può porre fine in qualsiasi momento senza motivazione. Per la Cgue questo regime è in rotta di collisione con il principio di indipendenza dei giudici, che impone che un tale distacco presenti “le garanzie necessarie per evitare qualsiasi rischio che esso sia impiegato quale strumento di controllo politico del contenuto delle decisioni giudiziarie, in particolare nel settore penale”, si legge in un comunicato stampa della Cgue.

Leggi anche altre notizie su Nova News
Seguici sui canali social di Nova News su Facebook, Twitter, LinkedIn, Instagram, Telegram