Proteste sul piano neve a Torino, le opposizioni: periferie dimenticate

neve

Prima nevicata e primo disastro in Circoscrizione 6. Il piano neve del Comune non ha decisamente funzionato. Strade indecenti e rischio per gli automobilisti. Chiederemo spiegazioni di quanto non fatto e rassicurazioni per il futuro. Se il piano neve c’è, deve funzionare. Lo scrive in un post su Facebook il presidente della Circoscrizione 6 Valerio Lomanto riportando alcune foto che ritraggono le strade di Torino Nord invase dal ghiaccio e dalla neve a causa della nevicata che ieri ha colpito la Città. E non è l’unico a segnalare i disagi.



Anche il consigliere comunale di Fratelli d’Italia Enzo Liardo in una nota stampa ha definito l’azione del Comune “un disastro. Il sindaco riferisca in aula sul perché il piano neve del Comune, alla prima prova, sia andato in tilt lasciando i torinesi delle periferie in balia di loro stessi. Strade indecenti, rischi per gli automobilisti e viabilità paralizzata. Pensavamo di aver già visto un disastro con le passate giunte di sinistra, ma purtoppo pare non esserci limite al peggio. Dal Comune, e dai suoi uffici, vogliamo spiegazioni su cosa sia andato storto nella giornata di oggi e certezze sull’adeguato funzionamento in futuro del piano neve. Torino e le sue periferie non possono essere abbandonate in questo modo vergognoso”.

Dalla parte opposta c’è l’amministrazione, che difende il suo operato. “Ci siamo svegliati con la neve. E non è stata una sorpresa perché da settimane la Città di Torino lavora per l’attuazione del piano neve, insieme ad Amiat, GTT, e Polizia Municipale. Dalla tarda serata del 7 dicembre la macchina organizzativa è entrata in azione con l’attivazione dell’unità di coordinamento (UnCo) – scrive su Facebook l’assessora alla Viabilità Chiara Foglietta -. I mezzi spargisale hanno lavorato per tutta la notte, mentre da ieri mattina sono intervenuti i mezzi spazzaneve in collina e anche in pianura. Sono stati controllati gli accessi agli ospedali e ai luoghi sensibili”, ha concluso.



Leggi anche altre notizie su Nova News
Seguici sui canali social di Nova News su Facebook, Twitter, LinkedIn, Instagram, Telegram

TAGS