Regno Unito: chi è il nuovo ministro della Sanità britannico, Sajid Javid

Membro anziano del Partito conservatore, ha ricoperto diversi ruoli chiave nel governo

Sajid Javid

Sajid Javid è il nuovo ministro della Sanità britannico dopo le dimissioni di Matt Hancock, travolto dallo scandalo del bacio alla sua assistente in piena violazione delle norme anti Covid-19. Javid, membro anziano del Partito conservatore, ha ricoperto diversi ruoli chiave nel governo: l’ultimo è stato quello di cancelliere dello Scacchiere, un incarico lasciato nel mese di febbraio del 2020 quando non accettò l’ordinanza del primo ministro, Boris Johnson, di licenziare la sua squadra di consiglieri. La partita che si stava giocando era molto più complessa, in realtà, e riguardava direttamente anche l’ex primo consigliere di Johnson, Dominic Cummings, impegnato in una vera e propria lotta per accrescere la sua posizione in seno all’esecutivo di Londra. Javid, in passato, è stato anche sottosegretario al ministero dell’Interno; sottosegretario per le Comunità e i Governi locali; sottosegretario per il Commercio, l’Innovazione e le Eccellenze; presidente della Board of Trade; sottosegretario alla Cultura, i Media e gli Sport; segretario finanziario del Tesoro. Prima ancora, Javid è stato direttore di Deutsche Bank, lavorando a New York, Londra e Singapore. In un tweet pubblicato dopo la sua nomina, Javid ha detto di essere “onorato di essere stato chiamato a servire come ministro della Sanità e l’Assistenza sociale in questo momento critico”. “Non vedo l’ora di contribuire alla nostra lotta contro la pandemia e di servire ancora una volta il mio Paese”, ha aggiunto.



Dai toni molto più dimessi, invece, il video postato da Hancock sui suoi profili social dopo aver consegnato la lettera di dimissioni al premier Johnson. Hancock ha ribadito le sue scuse per “aver violato le linee guida” e si è scusato con la sua famiglia e i suoi cari per “averli costretti ad affrontare tutto questo”. “Capisco gli enormi sacrifici che tutti in questo Paese hanno fatto, che avete fatto, e quelli di noi che scrivono queste regole devono rispettarle ed è per questo che devo dimettermi”, ha detto l’ex ministro. In risposta a questo messaggio, il primo ministro ha affermato che Hancock “dovrebbe lasciare l’incarico con molto orgoglio di ciò che ha raggiunto, non solo nell’affrontare la pandemia, ma anche prima che il Covid-19 ci colpisse”. “Sono grato per il vostro sostegno e credo che il vostro contributo al servizio pubblico sia tutt’altro che finito”, ha aggiunto Johnson. Hancock ha preso questa decisione dopo la pubblicazione di un video che lo immortala mentre bacia una sua assistente in piena violazione delle normative contro il Covid-19.

Hancock ha deciso di dimettersi dopo la pubblicazione di un video che lo immortala mentre bacia una sua assistente in piena violazione delle normative contro il Covid-19. Hancock, peraltro sposato con un’altra persona, viene ripreso, come pubblicato su “The Sun”, mentre abbraccia e bacia Gina Coladangelo, una sua collaboratrice. Hancock ieri ha rilasciato una dichiarazione in cui afferma di essere consapevole di aver “deluso delle persone” e chiedendo scusa per l’accaduto. Inizialmente Downing Street ha reso noto che il premier, Boris Johnson, ha accettato le scuse di Hancock e che considerava “la questione chiusa”. Tuttavia le critiche ricevute dal Partito laburista e anche da alcuni esponenti conservatori hanno convinto Hancock a lasciare l’incarico.



Leggi anche altre notizie su Nova News
Seguici sui canali social di Nova News su Facebook, Twitter, LinkedIn, Instagram, Telegram