Relazione tra vaccino Covid e Aids, YouTube congela il canale di Bolsonaro

Già a luglio la piattaforma aveva rimosso un video per violazione delle politiche contro la diffusione di notizie false

bolsonaro

La piattaforma YouTube ha sospeso per almeno una settimana il canale del presidente del Brasile, Jair Bolsonaro, per aver avvalorato una relazione tra il vaccino da nuovo coronavirus e l’Aids. Lo riporta il quotidiano brasiliano “G1” segnalando che la piattaforma, nella notte appena passata, ha rimosso il video pubblicato il 21 ottobre. Una decisione ripetuta anche da Facebook, mentre Twitter, pur avvertendo della non correttezza dell’informazione, ha mantenuto il visibile il collegamento. Nel filmato, ha sottolineato YouTube nella nota rilanciata dai media brasiliani, il vaccino è stato presentato come inefficace a ridurre la malattia e possibile causa di altre patologie, in violazione delle regole stabilite dalla piattaforma su una corretta informazione medica. “Uno studio del Regno Unito dimostra che le persone totalmente vaccinate stanno sviluppando la sindrome di immunodeficienza acquisita”, aveva detto Bolsonaro.



Già a luglio, YouTube aveva rimosso un video di Bolsonaro per violazione delle politiche contro la diffusione di notizie false sul Covid-19 . Tra i video bloccati anche alcune trasmissioni dal vivo in streaming. Secondo la società i contenuti sono stati bloccati per violazione delle politiche contro la diffusione di notizie false sulla pandemia di Covid-19 suscettibili di generare “danni significativi” per la salute pubblica. “Dopo un’attenta valutazione, abbiamo rimosso i video dal canale Jair Bolsonaro per aver violato le nostre politiche di disinformazione medica sulla Covid-19. Le nostre regole non ammettono contenuti che considerano l’idrossiclorochina e/o l’ivermectina come efficaci nel trattamento o nella prevenzione della Covid-19, quelli che affermano che esista una cura per la malattia e quelli che affermano che le mascherine non funzionino per prevenire la diffusione del virus. Queste politiche sono in linea con la guida delle autorità sanitarie locali e globali e abbiamo aggiornato le nostre politiche man mano che queste linee sono cambiate”, ha affermato YouTube in un comunicato inviato al quotidiano “G1”.

La società ha sottolineato che le politiche si applicano “in forma coerente a tutta la piattaforma, indipendentemente da chi sia il produttore di contenuti e quale sia la visione politica esposta”. YouTube non ha comunicato esattamente quanti e quali video sono stati eliminati. A maggio del 2021 la piattaforma aveva già cancellato 12 video prodotti e diffusi dal canale del presidente Jair Bolsonaro per aver violato la stessa regola che vieta la raccomandazione di clorochina e ivermectina contro il Covid-19. Prima di allora, erano stati rimossi altri cinque video. L’eliminazione dei contenuti su questo argomento è iniziata dopo un aggiornamento delle norme sull’utilizzo di YouTube ad aprile. Secondo le regole della piattaforma, tre violazioni delle norme di utilizzo in 90 giorni possono portare alla rimozione di un profilo.



Leggi anche altre notizie su Nova News
Seguici sui canali social di Nova News su Facebook, Twitter, LinkedIn, Instagram, Telegram