Roma: percepivano il reddito di cittadinanza senza averne diritto, sette denunce

L'indagine è stata eseguita dai carabinieri della compagnia di Roma piazza Dante

Ardea

Altre sette persone che avrebbero dichiarato il falso, fingendosi conviventi e fornendo dichiarazioni mendaci sui requisiti in possesso, sono state denunciate dai carabinieri del comando provinciale di Roma per il reato di indebita percezione del reddito di cittadinanza. In particolare, i carabinieri della compagnia di Roma piazza Dante hanno avviato gli accertamenti su dei soggetti a loro noti, poiché in parte già indagati per il reato di truffa in danno di anziani e indebito utilizzo di carte di credito, e sui loro familiari.



Secondo quanto ricostruito dagli investigatori dell’Arma i sette soggetti, nell’effettuare la richiesta per ottenere il reddito di cittadinanza, hanno omesso di comunicare e aggiornare lo stato detentivo dei familiari o hanno dichiarato falsamente lo stato di convivenza con soggetti esterni al proprio nucleo familiare percependo, di fatto, il beneficio senza avere i requisiti previsti dalla legge. Per tale ragioni i trasgressori sono stati deferiti all’Autorità giudiziaria e contestualmente da parte dell’Inps è stata immediatamente sospesa l’erogazione del sussidio.

Leggi anche altre notizie su Nova News
Seguici sui canali social di Nova News su Facebook, Twitter, LinkedIn, Instagram, Telegram



TAGS