Romania: presentata la squadra di governo di Nicolae Ciuca

Ecco tutti i nomi a guida dei vari dicasteri

Il Partito nazionale liberale (Pnl), il Partito socialdemocratico (Psd) e l’Unione democratica dei magiari in Romania (Udmr) hanno stabilito la composizione del futuro governo romeno che sarà guidato da Nicolae Ciuca. Al dicastero delle Finanze il nome proposto è Adrian Caciu (Psd); mentre al ministero dei Trasporti è stato nominato Sorin Grindeanu (Psd); il ministero dello Sviluppo andrà a Cseke Attila (Udmr); quello dei Fondi europei a Dan Vilceanu (Pnl); la proposta per il dicastero dell’Economia è Marius Humelnicu (Psd), mentre per quello dell’Energia il nome è Virgil Popescu (Pnl); al ministero dell’Interno viene affidato a Lucian Bode (Pnl); per il dicastero della Giustizia il nome è quello di Catalin Predoiu (Pnl); per quanto riguarda il dicastero del Lavoro la proposta è Marius Budai (Psd); al ministero della Salute è stato nominato Alexandru Rafila (Psd); mentre a quello dell’Agricoltura Adrian Chesnoiu (Psd); il ministero della Pubblica istruzione viene affidato Sorin Cimpeanu (Pnl); il dicastero della Difesa a Vasile Dincu (Psd); e quello degli Affari esteri resta a Bogdan Aurescu (figura indipendente sostenuta dal Pnl); al ministero dell’Ambiente il nome indicato è Tanczos Barna (Udmr); mentre a quello delle Pmi, dell’Imprenditoria e del Turismo Daniel Cadariu (Pnl); il ministero della Cultura viene assegnato a Lucian Romașcanu (Psd); quello della Digitalizzazione a Florin Roman (Pnl); e quello della Gioventù e della Famiglia a Gabriela Firea (Psd); infine il ministero dello Sport che viene affidato Eduard Novak (Udmr).



Mentre i socialdemocratici riceveranno i ministeri di forza dal futuro esecutivo, fra cui Finanze, Economia, Trasporti, ai liberali vanno il premier, la Giustizia, i Fondi europei – dicastero importante per la gestione del Next Generation Eu – e l’Energia, oltre ai dicasteri indicati direttamente dal presidente Klaus Iohannis: Istruzione, Interni e Affari esteri. L’Udmr otterà il ministero dello Sviluppo, dopo accese trattative con I liberali, ma anche l’Ambiente e lo Sport. Cinque degli otto ministri del Pnl sono sostenuti dal presidente Klaus Iohannis: Catalin Predoiu alla Giustizia; Lucian Bode all’Interno; Bogdan Aurescu agli Esteri; Sorin Cimpeanu all’Istruzione; e Virgil Popescu al ministero dell’Energia. Il leader del Psd, Marcel Ciolacu, ha dichiarato ieri sera, dopo la riunione dei vertici del partito, che la Romania è entrata in una nuova fase e che ha bisogno di stabilizzarsi, ma anche che i partiti della coalizione puntano a fissare il 7 per cento del Pil per gli investimenti.

Leggi anche altre notizie su Nova News
Seguici sui canali social di Nova News su Facebook, Twitter, LinkedIn, Instagram, Telegram