Rubavano auto a noleggio per rivenderle in Nord Africa, 13 misure cautelari

13 le misure cautelari emesse dal gip di Napoli Nord

auto

Associazione a delinquere, riciclaggio e appropriazione indebita, sono queste le ipotesi di reato, contestate a vario titolo, per i 13 destinatari delle misure cautelari emesse dal gip di Napoli Nord (uno in carcere, 9 ai domiciliari e 3 con obbligo di presentazione alla polizia giudiziaria), nell’ambito di una indagine “Tebessa”, volta a smantellare un gruppo criminale impegnato nel furto di auto a noleggio e alla successiva rivendita in Nord Africa.



L’indagine è partita oltre una anno fa dalla denuncia di una società bolognese di noleggio auto alla quale erano stati sottratti quattro veicoli Audi Q3. La Polizia ha scoperto che i veicoli erano stati noleggiati da prestanomi, grazie a una falsa documentazione, per poi essere trasportati in Francia e successivamente trasferiti in Algeria, nella citta di Tebessa, e in Germania. Le indagini, anche grazie all’ausilio di un trojan, hanno permesso di acclarare come i membri del sodalizio, tutti disoccupati, rinvestivano i proventi illeciti in beni di lusso. In particolare, F. D. 27enne di Casavatore (Na), ritenuto dagli inquirenti il capo del sodalizio, grazie al legame con la criminalità organizzata francese di Marsiglia e Nizza, aveva spostato proprio a Nizza il centro operativo dell’organizzazione. I veicoli una volta giunti in Francia venivano bonificati dei gps, successivamente installati su altri veicoli in modo da risultare ancora in circolazione in Campania e avvalorare la falsa denuncia di furto. Poi i veicoli rubati venivano intestati a cittadini algerini in Francia e imbarcati verso il Nord Africa, dove venivano rivenduti. Nel corso dell’indagine sono state identificate 25 persone e ricostruite le vicende di 22 veicoli. Con la cooperazione dell’Interpol, 10 di questi sono stati recuperati tra Algeria, Francia, Germania e Italia, mentre per altri 12 in corso la localizzazione. Il valore complessivo delle vendite è di 900mila euro.

Leggi altre notizie su Nova News
Seguici su Facebook, Twitter, LinkedIn, Instagram