Sardegna: al via il contratto per i 367 lavoratori ex Ati-Ifras del Parco Geominerario

La nuova società che si è aggiudicata il bando pubblico ha proceduto all'assunzione

sardegna

E’ partito dallo scorso 1 maggio il contratto sulle assunzioni di 367 dipendenti di ex Ati-Ifras, coinvolti nel progetto di sviluppo del Parco Geominerario Storico Ambientale della Sardegna.
“Grazie a un lavoro proficuo, la Regione è riuscita a garantire per due anni l’occupazione e la formazione dei lavoratori impiegati nei cantieri di comuni, associazioni ed enti locali. Il progetto – ha sottolineato l’assessore regionale del Lavoro, Alessandra Zedda – nasce con lo scopo di valorizzare il patrimonio archeologico, storico e ambientale della Sardegna e di mettere in sicurezza i siti minerari”. La nuova società che si è aggiudicata il bando pubblico – come previsto da norma regionale e gestito e attuato da Aspal attraverso una gara internazionale di “Facility Management” – ha proceduto così all’assunzione di 367 lavoratori totali afferenti a diversi cantieri comunali, con un contratto a tempo determinato biennale che prevede anche attività formative e di crescita professionale.

“Un risultato reso possibile dall’assessorato del Lavoro, grazie anche al contributo profuso dalle organizzazioni sindacali e da Aspal – ha precisato l’assessore Zedda –. Il nostro impegno ora è orientato a costruire il futuro dei lavoratori attraverso progetti che mirano alla tutela dei siti archeologici, in piena sinergia con gli enti coinvolti e le amministrazioni comunali. Si tratta di un passaggio decisivo che consentirà di completare il percorso di un lavoro stabile al termine dei 2 anni previsti dal contratto”, ha concluso l’esponente della giunta Solinas.

Leggi anche altre notizie su Nova News
Seguici anche sui canali social di Nova News su Facebook, Twitter, LinkedIn, Instagram, Telegram