Scuola: il Piemonte resiste, crescita contenuta dei focolai

L'incidenza per fasce d'età vede una crescita maggiore tra chi ha tra i 14 e i 18 anni

scuola nidi

Continuano ad aumentare i focolai e le quarantene, ma la situazione è ancora contenuta. Questa la situazione rispetto all’emergenza Covid nelle scuole piemontesi. Nel monitoraggio svolto dalla Regione nella settimana dal 22 al 28 novembre si registra un lieve aumento sia dei focolai che delle quarantene. Nel dettaglio, i focolai passano da 80 a 93: 3 nei nido (età 0-2 anni), 8 nelle scuole dell’infanzia (3-5anni), 48 nelle scuole primarie (6-10 anni), 18 nelle scuole secondarie di 1°grado (11-13 anni), 16 nelle scuole superiori (14-18 anni). Passano invece da 250 della scorsa settimana a 287 le quarantene: 5 nei nidi, 50 nelle scuole dell’infanzia, 145 classi nelle scuole primarie, 45 classi nelle scuole secondarie di 1° grado, 42 classi nelle scuole superiori.



L’incidenza per fasce d’età vede una crescita maggiore tra chi ha tra i 14 e i 18 anni con un passaggio netto da 84,9 casi ogni 100 mila abitanti a ben 133,6. In crescita importante anche tutte le altre fasce, tranne i più piccoli da 0 a 2 anni. Gli 11-13enni passano da 163 a 242 casi, mentre i bambini dai 6 ai 10 anni vanno dai 222,3 ai 281,7 casi ogni 100 mila abitanti. Rispetto alle vaccinazioni, nella platea dei 12-19enni hanno aderito il 73,6 per cento degli studenti, di questi il 97 per cento ha ricevuto la prima dose e il 93 per cento la seconda. Al progetto del Piemonte sulla “scuola sicura” stanno partecipando 480 scuole elementari e 18 mila 408 alunni. Mentre le scuole medie aderenti sono 179, con 3 mila 551 studenti che si sottopongono ogni mese a un test Covid.

Leggi anche altre notizie su Nova News
Seguici sui canali social di Nova News su Facebook, Twitter, LinkedIn, Instagram, Telegram



TAGS