Serbia-Kosovo, Brnabic: “La tappa odierna del dialogo è un compito difficile per Vucic”

Gli argomenti di conversazione, secondo la premier, saranno le persone scomparse e l'energia

brnabic

La tappa odierna del dialogo Belgrado-Pristina rappresenta “un compito difficile” per il presidente della Serbia, Aleksandar Vucic. Lo ha detto la premier serba, Ana Brnabic, commentando la nuova tappa del dialogo facilitato dall’Unione europea che si svolge oggi a Bruxelles. Gli argomenti di conversazione, secondo la premier, saranno le persone scomparse e l’energia, un tema quest’ultimo “che per Belgrado non è solo una questione politica ma anche di sicurezza” e rappresenta “una delle linee rosse” per il Paese. Brnabic ha infine affermato che “era più facile parlare con Hashim Thaci e Ramush Haradinaj, perché capivano che era necessario parlare”, mentre Albin Kurti “mostra un fanatismo ideologico” senza alcun pragmatismo. “Saremo con il cuore e l’anima con il presidente”, ha concluso la premier.



Si tiene oggi a Bruxelles una nuova tappa del dialogo tra Pristina e Belgrado mediato dall’Unione europea. Quello di oggi nella capitale belga è il primo incontro diretto tra il premier kosovaro Albin Kurti e il presidente serbo Aleksandar Vucic. La tappa del dialogo si svolge alla presenza dell’Alto rappresentante per la politica estera dell’Ue, Josep Borrell e dell’inviato speciale dell’Ue per i Balcani, Miroslav Lajcak. “I partiti politici del Kosovo devono trovare un consenso riguardo il dialogo con la Serbia”, ha dichiarato nei giorni scorsi Kurti, intervenendo in Parlamento a Pristina in vista dell’incontro del dialogo mediato dall’Ue. “Il riconoscimento della realtà di un Kosovo indipendente da parte della Serbia, l’ammissione da parte della Serbia dei crimini di guerra contro il Kosovo, l’uguaglianza dei rappresentanti e mettere i cittadini come primi e ultimi beneficiari, sono i nostri principi guida nel dialogo”, ha dichiarato Kurti.

Il presidente della Serbia ha detto di aspettarsi che “Pristina continui il suo spettacolo” nella tappa odierna di dialogo che si tiene a Bruxelles. In un intervento per l’emittente “Tv Pink”, Vucic ha osservato che le autorità kosovare “non sono essenzialmente interessate al dialogo”, ma piuttosto alle elezioni locali indette in Kosovo per ottobre. “Sono interessati a vincere le elezioni e agiranno di conseguenza, come se non ci fosse il dialogo. Vorranno essere alla pari, come se fossimo due Stati. Poiché è impossibile, posso ascoltare e sorridere di tutto ciò”, ha dichiarato Vucic.



Leggi anche altre notizie su Nova News
Seguici sui canali social di Nova News su Facebook, Twitter, LinkedIn, Instagram, Telegram