Solinas: “Tempi rapidi per i ristori alle comunità colpite dagli incendi”

Lo ha detto il presidente della regione Sardegna intervenendo in Consiglio regionale

presidente Solinas Sardegna

“Non basta risanare un territorio così gravemente ferito nella sua identità paesaggistica, naturalistica, economica e sociale: le tragedie dei giorni scorsi devono indurre la politica a tracciare una nuova strada di armonia tra la presenza umana e la gestione del territorio e la salvaguardia del nostro immenso e prezioso patrimonio ambientale”. Lo ha detto il presidente della regione Sardegna, Christian Solinas, intervenendo a conclusione del dibattito in Consiglio regionale sui tragici roghi che hanno colpito varie e vaste parti dell’isola, ed in particolare la provincia di Oristano. “La fragilità dell’equilibrio del nostro ecosistema deve indurci a valutare – ha detto Solinas – quanto l’ambiente necessiti di interazioni tra natura e uomo. L’avere improntato questo rapporto su una visione massimalista della gestione dei boschi ha alterato quello che sarebbe dovuto essere un giusto equilibrio, mettendo a rischio l’incolumità dell’ambiente e penalizzando al tempo stesso le attivita’ che legano l’uomo alla natura e al territorio, ed esponendo quest’ultimo ai rischi determinati dall’abbandono e dall’incuria”.



“Troppo spesso – ha aggiunto il presidente della regione Sardegna – sull’altare di una visione estetica dell’ambiente si sono sacrificate attivita’ che non solo fanno parte della storia e dell’identita’ dei territori, ma concorrono in modo determinante a preservarli. Oggi dobbiamo attivare politiche che consentano di conciliare tutto ciò, e di prevenire i disastri ai quali ancora una volta abbiamo assistito”. Solinas ha espresso il proprio ringraziamento per la vicinanza e l’attenzione mostrate dalle massime istituzioni nei confronti della Sardegna, ad iniziare dal capo dello Stato Sergio Mattarella, e dal presidente del Consiglio Mario Draghi, che hanno assicurato un impegno concreto anche per una rapida azione di sostegno economico. La dichiarazione dello stato emergenza consente tempi rapidi – ha aggiunto Solinas – che ha annunciato anche un imminente provvedimento della Giunta per consentire l’utilizzo immediato di fondi regionali per un primo ristoro. I giorni appena trascorsi ci hanno riempito di amarezza e di un doloroso senso di impotenza, ma i Sardi hanno mostrato un grande senso di unita’ e di volontà di ripartire, emerso in modo unanime anche dal dibattito in Consiglio, e del quale desidero ringraziare tutti”.

“Desidero inoltre ancora una volta ringraziare – ha continuato il presidente della regione Sardegna – tutti coloro che si sono impegnati in questi giorni nell’affrontare l’emergenza, mostrando un grande spirito di collaborazione e sinergia: dai sindaci a tutti gli operatori in campo, le compagnie barracellari, le forze dell’ordine, i volontari, i singoli allevatori e agricoltori che si sono impegnati a combattere il fronte del fuoco. Ringrazio, infine tutti coloro che hanno manifestato vicinanza e affetto per la Sardegna: Grecia e Francia che ci hanno fornito i loro Canadair in forza del protocollo di solidarietà internazionale di protezione civile, la Corsica e il suo presidente Gilles Simeoni, lo Stato di Israele tramite il suo ambasciatore in Italia. Sui territori devastati – ha concluso ancora Solinas – proseguono le operazioni di bonifica con le squadre a terra e i mezzi aerei, mai cosi’ numerosi come in questa occasione. Passo dopo passo, la Regione si confronterà con i sindaci e le comunità locali in un percorso condiviso per uscire dall’emergenza e consentire una rapida ripresa”.



Leggi anche altre notizie su Nova News
Seguici sui canali social di Nova News su Facebook, Twitter, LinkedIn, Instagram, Telegram

TAGS