Spagna: i popolari chiedono le dimissioni della ministra degli Esteri

Il segretario generale del Pp: "Nefasta gestione nella crisi diplomatica con il Marocco"

La ministra degli Esteri spagnola, Arancha Gonzalez Laya, dovrebbe “dimettersi immediatamente per la sua nefasta gestione nella crisi diplomatica con il Marocco”. Lo ha affermato il segretario generale del Partito popolare (Pp), Teodoro García Egea, in un’intervista televisiva a “Tve”, aggiungendo che il governo sta operando molto male in quanto non è “trasparente su ciò che sta accadendo”. Il rappresentante dei popolari ha aggiunto che l’esecutivo guidato da Pedro Sanchez “deve risolvere questa crisi con una chiara politica estera”. A questo proposito, Garcia Egea ha sottolineato che se il governo fosse stato guidato dal leader popolare, Pablo Casaso, questo sviluppo “non sarebbe successo” perché “non avremmo permesso una perdita di peso internazionale come quella che abbiamo” subito, e il riferimento è legati ai rapporti con gli Stati Uniti.



“Quando il presidente Joe Biden chiama 30 leader stranieri e non ha ancora parlato con le autorità della Spagna, significa che non abbiamo alcuna influenza sulla scena internazionale”, ha attaccato il segretario generale del Pp. In merito al leader del Fronte Polisario, Brahim Ghali, che nella notte ha abbandonato la Spagna con un volo partito dall’aeroporto di Pamplona, Garcia Egea ha affermato che “quando un uomo è entrato con un passaporto presumibilmente falso, un fatto per cui nessuna potenza straniera ci ha sostenuto, e ora quest’uomo lascia la Spagna tra le tenebre, penso che la ministra degli Esteri dovrebbe dimettersi”.

Leggi anche altre notizie su Nova News
Seguici anche sui canali social di Nova News su Facebook, Twitter, LinkedIn, Instagram, Telegram