Svezia: lunedì nuovo voto di fiducia sull’incarico a premier per Andersson

Il presidente del Riksdag: "La mia intenzione è nominare Andersson come prima ministra"

Magdalena Andersson

Lunedì prossimo il Parlamento svedese, il Riksdag, voterà nuovamente la fiducia come premier a Magdalena Andersson, leader dei socialdemocratici. Lo ha annunciato oggi il presidente del Riksdag, Andreas Norlen, dopo le dimissioni presentate ieri sera dalla stessa Andersson. “La mia intenzione è nominare Magdalena Andersson come prima ministra della Svezia”, ha detto oggi Norlen in conferenza stampa. Il presidente del Parlamento ha parlato con i leader degli altri partiti svedesi, trovando la disponibilità di diverse formazioni a sostenere la nomina di Andersson a premier tramite il voto di fiducia o l’astensione. Norlen ha anche specificato come in situazioni del genere non ci siano “regole scritte” su come agire, dopo quanto accaduto ieri. L’evoluzione politica nella giornata di mercoledì “è un qualcosa per cui ho molti rimpianti”, ha detto Norlen, evidenziando come i cittadini svedesi abbiamo trovato “incomprensibili” le scelte dei vari partiti.



Ieri sera, poche ore dopo la nomina, la premier svedese Andersson ha rassegnato le dimissioni a causa del voto contrario alla legge di bilancio. Andersson ha annunciato le dimissioni in conferenza stampa, precisando di non voler “guidare un esecutivo dove appaiano le basi per mettere in discussione la sua legittimità”. La premier dimissionaria ha informato il presidente del Parlamento Norlen di essere ancora interessata a guidare un governo monopartitico socialdemocratico. “Un governo di coalizione dovrebbe dimettersi se un suo partito sceglie di abbandonare l’esecutivo”, ha continuato Andersson. Il partito da cui ha fatto riferimento è quello dei Verdi, che hanno lasciato il governo dopo il voto favorevole del Parlamento agli emendamenti di bilancio presentati dall’opposizione. Come hanno spiegato i portavoce dei Verdi, l’esecutivo dovrà andare avanti con un bilancio “negoziato da una forza di estrema destra”, i Democratici svedesi. “Questo è qualcosa che ci addolora, siamo sia sorpresi che arrabbiati per le azioni del Partito di centro”, che ha abbandonato il sostegno all’esecutivo con l’accusa di essersi spinto troppo a sinistra.

Il Parlamento svedese ha approvato la proposta di emendamenti al bilancio presentata dalle formazioni di opposizione Partito moderato (M), Democratici svedesi (Sd) e Cristiano democratici (Kd). 154 deputati hanno votato a favore degli emendamenti, contro 143 contrari. Questa situazione ha portato a una sconfitta del programma di bilancio presentato dal governo di minoranza dei socialdemocratici e dei verdi, proprio nello stesso giorno in cui il Riksdag, l’assemblea legislativa unicamerale svedese, ha dato la fiducia alla nuova premier Magdalena Andersson. Andersson aveva ottenuto la fiducia da parte del Partito di sinistra, sulla base di una revisione della politica sulle pensioni e altre misure. Questa linea aveva però fatto mancare alla leader socialdemocratica il sostegno del Partito di centro, che inizialmente aveva assicurato l’appoggio ad Andersson, dopo le dimissioni del predecessore Stefan Lofven.



Leggi anche altre notizie su Nova News
Seguici sui canali social di Nova News su Facebook, Twitter, LinkedIn, Instagram, Telegram

TAGS