Torino: scatta l’obbligo delle mascherine all’aperto nei luoghi di assembramento

Scatta da oggi e durerà fino al 15 gennaio l'obbligo di indossare nelle zone di movida, nel centro storico, nelle aree mercatali, alle fermate dell'autobus e nei luna park

mascherine all'aperto

Scatta a partire da oggi e durerà fino al 15 gennaio l’obbligo di indossare le mascherine all’aperto a Torino nelle zone di assembramento. Bisognerà munirsi del dispositivo di protezione nelle zone di movida, nel centro storico, nelle aree mercatali, alle fermate dell’autobus, nei luna park e, più in generale, in tutte le zone affollate. La decisione è stata presa dal Comune di Torino in accordo con la Regione all’interno del tavolo della Prefettura, dove hanno partecipato anche l’Asl e altri soggetti interessati. Ha spiegato il sindaco Stefano Lo Russo che l’obiettivo è quello di “prevenire non di sanzionare. Questa ordinanza nasce per tutelare i cittadini in un momento molto critico”. Nonostante il Piemonte stia resistendo alla quarta ondata con numeri sotto controllo, la situazione è in lento peggioramento, come si evince dai bollettini Covid diffusi dall’Unità di crisi della Regione. Per questo si è deciso di portare avanti questo intervento, nonostante la Città si trovi in zona bianca.



L’obbligo di mascherina all’aperto sarà costante nelle aree mercatali e nella Ztl Centrale. Mentre nelle zone della movida, come ad esempio piazza Santa Giulia e San Salvario, l’obbligo di indossarla – si legge nell’ordinanza diffusa dal Comune di Torino – scatterà dalle 17 alle 6. Sono esclusi dall’obbligo i bambini di età inferiore a sei anni, le persone con patologie e disabilità incompatibili con l’uso della mascherina e i soggetti che stanno svolgendo attività sportiva mantenendo la distanza interpersonale con le altre persone.

Leggi anche altre notizie su Nova News
Seguici sui canali social di Nova News su Facebook, Twitter, LinkedIn, Instagram, Telegram



TAGS