Trasporto aereo: approvate convenzioni Mims-Enav per investire nella digitalizzazione del settore

Le convenzioni prevedono una contribuzione a fondo perduto di 110 milioni di euro da attribuire ad Enav ed alle tre controllate del gruppo

enav trasporto aereo

Il ministro delle Infrastrutture e della Mobilità sostenibili, Enrico Giovannini, ha firmato il decreto di approvazione delle convenzioni sottoscritte dal dicastero e da Enav per la realizzazione di progetti di investimento inclusi nel Pnrr. Stando al relativo comunicato stampa, le convenzioni prevedono una contribuzione a fondo perduto di 110 milioni di euro da attribuire ad Enav ed alle tre controllate del gruppo: Techno Sky, società responsabile della gestione e della manutenzione hardware/software dell’intera gamma di impianti e sistemi utilizzati per l’erogazione dei servizi di assistenza al volo; Ids AirNav, azienda che sviluppa soluzioni software di ultima generazione per i sistemi di gestione delle informazioni aeronautiche; e D-Flight, società che gestisce e sviluppa la piattaforma per l’erogazione dei servizi ai velivoli a pilotaggio remoto (droni). “Con la firma delle convenzioni si dà attuazione ai progetti più innovativi del Pnrr nel settore strategico del trasporto aereo: si rafforza un processo di digitalizzazione che permetterà una gestione ottimale dei servizi con una particolare attenzione alla sostenibilità ambientale”, ha commentato il ministro.



“Sono certo che i progetti che realizzeremo daranno immediati benefici al settore sia in termini di capacità e qualità del servizio che di occupazione e crescita economica: continuiamo il nostro percorso di innovazione dello spazio aereo in chiave digitale e sostenibile”, ha aggiunto Paolo Simioni, amministratore delegato di Enav. I progetti in questione sono rappresentati nella sezione 3.2 (Intermodalità e Logistica integrata) del Pnrr e si raggruppano in due filoni principali: innovazione digitale e infrastrutture verdi. In particolare, Enav si occuperà della digitalizzazione del sistema di gestione dello spazio aereo, anche dal punto di vista della sostenibilità ambientale, implementando progetti relativi a: sviluppo e connettività del sistema di gestione dei velivoli a pilotaggio remoto; digitalizzazione delle informazioni aeronautiche; realizzazione di infrastrutture cloud e virtualizzazione delle infrastrutture operative; definizione di un nuovo modello di manutenzione; condivisione sicura delle informazioni. Per quanto riguarda le tempistiche, il Pnrr individua due milestone principali: una a dicembre 2023 e l’altra a marzo 2026, entro cui, i soggetti attuatori sono chiamati a realizzare i progetti previsti nelle convenzioni.

Leggi anche altre notizie su Nova News
Seguici sui canali social di Nova News su Facebook, Twitter, LinkedIn, Instagram, Telegram



TAGS