Una sentenza della Corte Suprema degli Usa rende più semplice l’ergastolo per i minorenni

Lo riferisce la stampa statunitense, secondo cui la sentenza è stata approvata con 6 voti favorevoli contro 3

corte suprema Usa

La Corte Suprema degli Stati Uniti ha stabilito ieri, 22 aprile, che i giudici possano condannare all’ergastolo un minorenne colpevole di omicidio senza dover stabilire che quest’ultimo non abbia possibilità di riabilitazione sociale. Lo riferisce la stampa Usa, secondo cui la sentenza, che rende più semplice la condanna dei minorenni all’ergastolo, è stata approvata con sei voti favorevoli contro 3. Determinante la presa di posizione dei tre giudici nominati dall’ex presidente Donald Trump, incluso il giudice Brett Kavanaugh, che ha scritto la motivazione della sentenza. Secondo Kavanaugh, “l’argomento secondo cui la sentenza deve originare da un giudizio di incorreggibilità permanente non è consistente coi precedenti della corte”. La sentenza è originata dal caso di un uomo del Mississippi oggi 31enne, condannato all’ergastolo senza condizionale per l’uccisione del nonno nel 2004, quando aveva 15 anni.



Leggi altre notizie su Nova News
Seguici su Facebook, Twitter, LinkedIn, Instagram