Usa a Corea del Nord: stop a test missilistici “preoccupanti e controproducenti”

L'appello del rappresentante speciale degli Stati Uniti per la Corea del Nord, Sung Kim

Corea del Nord

Il rappresentante speciale degli Stati Uniti per la Corea del Nord, Sung Kim, ha chiesto a Pyongyang di fermare i “preoccupanti e controproducenti” test missilistici e riprendere i colloqui di pace. “Il nostro obiettivo rimane la completa denuclearizzazione della penisola coreana”, ha detto Kim, da ieri in visita in Corea del Sud. Al termine del colloquio con l’omologo sudcoreano, Noh Kyu-duk, il funzionario Usa ha detto che si continueranno ad “esplorare le diverse opzioni per riaprire il dialogo con il Nord”, compresa quella di mettere formalmente fine alla guerra coreana del 1950-53. “Ci prepareremo inoltre a collaborare con Pyongyang per affrontare le questioni di carattere umanitario, offrendo aiuto per i nordcoreani nelle condizioni più vulnerabili”, ha detto. Martedì 19 ottobre la Corea del Nord aveva collaudato un nuovo missile balistico per sottomarini (Slbm), ritenuta arma particolarmente difficile da intercettare. Una mossa che aveva spinto l’ambasciatrice degli Stati Uniti alle Nazioni Unite, Linda Thomas-Greenfield, a chiedere un inasprimento delle sanzioni verso Pyongyang.



La Corea del Nord ha risposto definendo eccessiva la risposta della Casa Bianca e messo nuovamente in dubbio la sincerità dell’offerta di dialogo formulata dall’amministrazione del presidente Usa Joe Biden, il cui approccio sul tema è stato definito “doppiopesista”. Il test si inserirebbe, secondo Pyongyang, nelle “ordinarie attività connesse al piano di difesa nazionale a medio e lungo termine”. Nell’incontro di domani dovrebbe essere discussa anche la proposta del presidente sudcoreano, Moon Jae-in, di dichiarare formalmente la fine della guerra di Corea del 1950-53: un “passo essenziale” per avviare il processo di pace nella Penisola, ha spiegato il ministro degli Esteri Chung Eui-yong, in un’audizione parlamentare.

Leggi anche altre notizie su Nova News
Seguici sui canali social di Nova News su FacebookTwitterLinkedInInstagram, Telegram