Usa-Cina, “Washington Post”: amministrazione Biden boicotterà Olimpiadi di Pechino

Il boicottaggio sarebbe una risposta alle violazioni dei diritti umani perpetrati dalla Repubblica popolare

olimpiadi invernali di Pechino 2022

L’amministrazione del presidente Joe Biden è pronta ad annunciare il boicottaggio diplomatico delle Olimpiadi invernali di Pechino 2022 da parte degli Stati Uniti. Lo scrive il quotidiano “Washington Post” citando fonti ben informate, secondo cui la decisione potrebbe essere formalizzata entro la fine del mese. Il boicottaggio sarebbe una risposta alle violazioni dei diritti umani perpetrati dalla Repubblica popolare in particolare nella regione dello Xinjiang, abitata in maggioranza dalla comunità musulmana uigura. Secondo le fonti, gli Stati Uniti invierebbero a Pechino i loro atleti ma non una delegazione ufficiale.



Gli Stati Uniti non imporranno il boicottaggio diplomatico delle Olimpiadi invernali di Pechino 2022 ai loro alleati, che saranno liberi di seguire l’esempio di Washington o inviare le proprie delegazioni, scrive ancora il “Washington Post”. L’indiscrezione giunge a seguito del colloquio virtuale tra Biden e l’omologo cinese Xi Jinping, durante il quale il primo “ha sollevato preoccupazioni in merito alle politiche di Pechino nello Xinjiang, in Tibet e a Hong Kong, così come sui diritti umani in generale”, afferma la Casa Bianca. Il boicottaggio diplomatico dei Giochi in risposta agli abusi della Repubblica popolare era stato invocato negli scorsi mesi da diversi esponenti politici statunitensi, tra cui la presidente della Camera, Nancy Pelosi. In un’udienza parlamentare dello scorso maggio, Pelosi aveva definito “inaccettabile” il silenzio internazionale intorno al tema, invitando la comunità internazionale ad alzare la voce contro il “genocidio” perpetrato dalla Cina.

Leggi anche altre notizie su Nova News
Seguici sui canali social di Nova News su Facebook, Twitter, LinkedIn, Instagram, Telegram



TAGS