Usa: indice dei prezzi al consumo ai livelli più alti da oltre 30 anni

È quanto emerge dai dati diffusi oggi dal dipartimento del Lavoro

usa

L’indice dei prezzi al consumo (Ipc) negli Stati Uniti è cresciuto dello 0,9 per cento ad ottobre a causa dell’aumento del costo della benzina e del cibo. È quanto emerge dai dati diffusi oggi dal dipartimento del Lavoro, secondo cui nei 12 mesi fino a ottobre l’Ipc ha accelerato del 6,2 per cento, facendo registrare il più grande incremento annuale dal novembre 1990. Il cosiddetto Ipc “core” – che non tiene conto dei beni che presentano una forte volatilità di prezzo, in particolare quelli dell’energia e degli alimentari – è salito del 4,6 per cento su base annua, facendo registrare il più grande incremento dall’agosto 1991, dopo essere rimasto stabile al 4 per cento per due mesi consecutivi. Sempre oggi il dipartimento del Lavoro ha affermato che le richieste iniziali per i sussidi di disoccupazione statali sono scese a 267 mila unità nella settimana terminata il 6 novembre, 4 mila unità in meno rispetto alla precedente. Si tratta del livello più basso dalla metà di marzo del 2020, ovvero dall’inizio dell’emergenza Covid.



Leggi anche altre notizie su Nova News
Seguici sui canali social di Nova News su Facebook, Twitter, LinkedIn, Instagram, Telegram



TAGS