Vaccini, il colonnello Paglia ringrazia la Brigata Garibaldi e l’Asl di Caserta per “l’incessante lavoro”

Così in un post su Facebook il tenente colonnello Gianfranco Paglia, consigliere del ministro della Difesa

regno unito

Un ringraziamento all’operato delle donne e degli uomini che compongono la Brigata Garibaldi e l’Asl di Caserta per l’incessante lavoro che stanno svolgendo per ridare al più presto a  tutti noi un senso di normalità. Così in un post su Facebook il tenente colonnello Gianfranco Paglia, consigliere del ministro della Difesa, “in risposta a coloro che  si divertono a conteggiare i nastrini del generale Francesco Figliuolo, a criticare senza capire le dichiarazioni del suo braccio destro generale Domenico Ciotti o a lanciare bombe, come stamattina, incendiarie presso un centro vaccinale di Brescia”.



Il centro dopo il tenente colonnello Paglia ha completato oggi il suo ciclo vaccinale è aperto dalle 7.30 alle 24 tutti i giorni. “E domani, Santa Pasqua, loro continueranno come del resto in ogni centro vaccinale d’Italia a svolgere il proprio lavoro. Ecco perché ritengo doveroso ringraziarli apertamente con l’auspicio che ogni italiano senta di dover fare lo stesso invitando ancora una volta gli addetti all’informazione ad evidenziare l’ottimo lavoro svolto da chi indossa l’uniforme e chi un camice bianco. Le critiche, l’attacco a tutti i costi, il voler evidenziare le falle anche quando si è consapevoli che il bersaglio che si vuol colpire è sbagliato, serve davvero a poco”, scrive il consigliere del ministro su Facebook.

Anzi, prosegue il tenente colonnello Paglia, “sarebbe auspicabile che dopo un anno di questa assurda pandemia, si evidenziasse il lavoro certosino di tutti quegli italiani che non si sono fermati mai e contemporaneamente hanno studiato per poter arginare questo nemico subdolo e invisibile. Gli errori, le incompetenze, le inadeguatezza ci sono state e sono sotto gli occhi di tutti, ma adesso è tempo di stringerci tutti per raggiungere l’unico obiettivo che ci consentirà di ritornare a vivere, ad abbracciarci e a condividere la normale quotidianità. Per tutto il resto ci saranno le giuste sedi a verificare ciò che non è andato”. In queste giornate particolari, conclude Paglia, “abbiamo il dovere solo di collaborare con chi in prima linea sta combattendo per ridarci quella speranza che molti hanno perso. Il mio è un appello affinché ci siano meno critiche e più rispetto verso coloro che sono scesi in campo mettendosi in gioco, contribuendo a salvare il nostro amato Paese”.



Leggi altre notizie su Nova News
Seguici su Facebook, Twitter, LinkedIn, Instagram