Papa Francesco: “Siamo intrappolati dalla frenesia di mille cose terrene e dall’avidità”

Il pontefice ad Atene incontra le autorità politiche e religiose nella seconda tappa del suo viaggio apostolico

papa francesco

In Occidente “si tende a offuscare il bisogno del Cielo, intrappolati dalla frenesia di mille corse terrene e dall’avidità insaziabile di un consumismo spersonalizzante”. Lo ha dichiarato Papa Francesco incontrando ad Atene le autorità politiche e religiose nella seconda tappa del suo viaggio apostolico iniziato a Cipro. “Oggi, nell’Occidente da qui sorto, si tende a offuscare il bisogno del Cielo, intrappolati dalla frenesia di mille corse terrene e dall’avidità insaziabile di un consumismo spersonalizzante, questi luoghi ci invitano a lasciarci stupire dall’infinito, dalla bellezza dell’essere, dalla gioia della fede”. Il Santo Padre ha poi continuato evidenziando l’alto valore simbolico della città ellenica: “In questa città lo sguardo, oltre che verso l’Alto, viene sospinto anche verso l’altro – ha detto Francesco – ce lo ricorda il mare, su cui Atene si affaccia e che orienta la vocazione di questa terra, posta nel cuore del Mediterraneo per essere ponte tra le genti. Qui grandi storici si sono appassionati nel raccontare le storie dei popoli vicini e lontani. Qui, secondo la nota affermazione di Socrate, si è iniziato a sentirsi cittadini non solo della propria patria, ma del mondo intero”.



Leggi anche altre notizie su Nova News
Seguici sui canali social di Nova News su FacebookTwitterLinkedInInstagram, Telegram